Descrizione immagine

L'EFSA, Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare lancia l'allarme sui contaminanti da processo a base di glicerolo presenti nell’olio di palma. 


Glicidil esteri degli acidi grassi: genotossici e cancerogeni. Glicidil esteri degli acidi grassi: genotossici e cancerogeni. I contaminanti da processo a base di glicerolo presenti nell’olio di palma, ma anche in altri oli vegetali, nelle margarine e in alcuni prodotti alimentari trasformati, suscitano potenziali problemi di salute per il consumatore medio di tali alimenti di tutte le fasce d’età giovane e per i forti consumatori di tutte le fasce d’età.

L'EFSA ha valutato i rischi per la salute pubblica derivanti dalle sostanze: glicidil esteri degli acidi grassi (GE), 3-monocloropropandiolo (3-MCPD), e 2-monocloropropandiolo (2-MCPD) e relativi esteri degli acidi grassi. Tali sostanze si formano durante le lavorazioni alimentari, in particolare quando gli oli vegetali vengono raffinati ad alte temperature (circa 200° C).
I più elevati livelli di GE, come pure di 3-MCPD e 2-MCPD (compresi gli esteri) sono stati riscontrati in oli di palma e grassi di palma, seguiti da altri oli e grassi. Per i consumatori a partire dai tre anni di età, margarine e 'dolci e torte' sono risultati essere le principali fonti di esposizione a tutte le sostanze. Estratto da Fonte: www.efsa.europa.eu/

Università Popolare Interculturale - UPI Sicurezza Alimentare aderisce convintamente alla petizione promossa dalla Iene. Occorre dare certezze e garanzie ai consumatori senza sotterfugi, pertanto invitiamo a firmare questa petizione per porre un freno a chi intende inondare il mercato con prodotti di scarsissima qualità spacciandola per prodotto italiano alludendo a garanzie di sicurezza e affidabilità nei consumatori.. Firma anche tu la petizione!!

GUARDA IL VIDEO DEL SERVIZIO DELLE IENE

Descrizione immagine

Ma secondo voi quando vi comprate un sugo pronto con su scritto "prodotto in Italia" o “Made in Italy”, dentro cosa c'è?

Perché se è MADE IN ITALY vien da pensare che dentro ci siano pomodori italiani. E invece non è così!

Perché per diventare Made in Italy, per la legge italiana, basta che la lavorazione sostanziale sia fatta in Italia. E "sostanziale", sostanzialmente, non vuol dire nulla! Abbiamo scoperto che potremmo comprarci un sugo pronto fatto con il100% di pomodoro cinese, ma con su scritto “Made in Italy”. E visto che i controlli in dogana sono pochi e le leggi su metalli pesanti e fitofarmaci sono molto diverse tra i vari paesi del mondo, rischiamo di mangiarci una marea di schifezze senza neanche saperlo.

Chiediamo che su TUTTI i prodotti alimentari inscatolati venga dichiarata la provenienza degli ingredienti, come si fa per l'olio extravergine di oliva e pochissimi altri alimenti inscatolati, per cui bisogna scrivere la provenienza: Italia, UE, extra UE. Poi sarà il consumatore a decidere. Vogliamo il VERO “Made in Italy”.

Qui di seguito il testo della petizione promosso dalle Iene che puoi firmare cliccando sul link accanto >>>

LETTERA A


Presidente del Consiglio Matteo Renzi

Ministero dell'Agricoltura Maurizio Martina

Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi


Vogliamo il VERO "Made in Italy"

Ma secondo voi quando vi comprate un sugo pronto con su scritto "prodotto in Italia" o “Made in Italy”, dentro cosa c'è?
Perché se è MADE IN ITALY vien da pensare che dentro ci siano pomodori italiani. E invece non è così!
Perché per diventare Made in Italy, per la legge italiana, basta che la lavorazione sostanziale, sia fatta in Italia.
E "sostanziale", sostanzialmente non vuol dire nulla!
Abbiamo scoperto che potremmo comprarci un sugo pronto fatto con il 100% di pomodoro cinese, ma con su scritto “Made in Italy”.
E visto che i controlli in dogana sono pochi e le leggi su metalli pesanti e fitofarmaci sono molto diverse tra i vari paesi del mondo, rischiamo di mangiarci una marea di schifezze senza neanche saperlo.
Chiediamo che su TUTTI i prodotti alimentari inscatolati venga dichiarata la provenienza degli ingredienti, come si fa per l'olio extravergine di oliva e pochissimi altri alimenti inscatolati, per cui bisogna scrivere la provenienza: Italia, UE, extra UE. Poi sarà il consumatore a decidere.

Vogliamo il VERO “Made in Italy”.

Firma anche tu la petizione 

online >>

HOME PAGE UPI


UPI - Università Popolare Interculturale

Università Aperta - federata Unieda

Bookmark and Share
UPI rassegna stampa

SPOT

Descrizione immagine